10 cose che non sai sul grasso. Il nono vi lascerà a bocca aperta!

gordura

Per la maggior parte delle persone, il grasso è sinonimo di cattiva alimentazione. Ma c’è molto di più da scoprire. La nostra comprensione dei grassi , compresi quelli che sono in realtà un bene per noi, è in continua evoluzione.

Sappiamo, per esempio, che la carne rossa, dolci e biscotti sono fonti ricche di acidi grassi saturi e sono associati ad un aumento del numero di decessi per malattie cardiovascolari. Sappiamo anche che, del resto, noci, pesce e latticini oleosi, che sono ricchi di grassi saturi sono associati a un minor rischio di tale malattia.

Tipi di grassi

Ci sono quattro tipi principali di grassi nel nostro cibo: polinsaturi, monoinsaturi, grassi saturi, e forse il più famoso di tutti, i grassi trans. Ognuno di essi hanno differenti proprietà fisiche e chimiche.

Gli  oli da cucina di verdure, semi di girasole in particolare, di soia e di olive contengono generalmente i primi due di cui sopra (monoinsaturi e polinsaturi) e grassi saturi in quantità relativamente piccole. Ma l’olio di palma, che ha un punto di fusione più elevato ed è ora utilizzato in molti prodotti, ha una concentrazione molto elevata di grassi saturi.

Solo così si può già capire che quando si tratta di grasso, non tutto è bianco e nero.

Per lo stesso motivo,  è necessario capire che il mantra delle diete sta cambiando. E dove è che i grassi rientrano in tutto questo? Ecco dieci cose che si devono sapere:

10. Il grasso è un alimento energetico

La maggior parte della nostra energia proviene dai carboidrati. Ma fonti di grassi contribuiscono a metà tra un quarto e due quinti del consumo di energia di un adulto, e la metà di un neonato. Nei bambini, un elevato apporto di grassi promuove depositi che isolano contro la perdita di calore.

Quindi, mangiare cibi con più grassi raddoppia il  contenuto energetico. Allo stesso modo, non mangiare alcun grasso, o tagliare alimenti come carne, latticini, può ridurre notevolmente la vostra energia.

Curiosità:

  • 1 grammo di grasso ha 9 un potere Kcal;
  • 1 grammo di carboidrati è 3,7 kcal di energia;
  • 1 grammo di proteine ​​ha 4 potere Kcal;
  • 1 grammo di alcol ha 7 kcal di energia.

9. Più basso è il consumo di energia, maggiore sarà la perdita di peso

Ridurre il consumo di energia, piuttosto che aumentare l’attività fisica è il modo più efficace per ridurre il grasso corporeo. È possibile raggiungere questo obiettivo  mangiando cibi a basso contenuto di grassi, tagliendo il grasso dalla vostra bistecca e l’utilizzando oli con moderazione.

Un’altra cosa interessante: non c’è molta differenza tra il contenuto di grassi a base di carne alla griglia e fritta.

Si può ridurre l’apporto energetico necessario anche limitando l’assunzione di carboidrati e alcol.

8. La posizione del grasso nel corpo fa la differenza

L‘accumulo di grasso corporeo in eccesso è più dannoso nella cavità addominale e nel fegato, perché in tali regioni può essere causa dello sviluppo di diabete di tipo 2.

Una donna over 80 pollici in vita e un uomo con più di 94 in questa regione è quella che viene chiamata l’obesità centrale, indicatore utile per predire il rischio di diabete di tipo 2.

Quando l’energia immagazzinata nelle cellule adipose viene rilasciata, il processo porta alla mobilizzazione di grassi acidi  che entrano nel flusso sanguigno. Il grasso viscerale è più facilmente mobilitato del grasso sottocutaneo e può accumularsi nel fegato.

 7. L’organismo utilizza carboidrati come combustibile e non come grasso

L’obesità in eccesso è dovuta all’accumulo di grasso. Molto poco grasso nel corpo è costituito da carboidrati (compreso lo zucchero o alcol), perché sono preferibilmente utilizzati come combustibile. Ma se avete troppa benzina a bordo, sarà immagazzinata come grasso, perché abbiamo una limitata capacità di immagazzinare carboidrati.

 

6. Le donne hanno bisogno di grassi per la fertilità

Il grasso corporeo gioca un ruolo importante nella fertilità femminile.

Tra il 20-30% del peso corporeo in una donna matura sana è solo grasso – e tale importo non è inferiore a due volte quella di un uomo maturo e sano. Il livello scende sotto  il 18% per l’ovulazione. Ma  il livello   sale a livelli molto elevati , circa il 50% in peso – anche per l’ovulazione.

Tutto per il guasto di un ormone chiamato leptina, che viene secreto dal tessuto adiposo (grasso) nella proporzione di grasso memorizza. Il cervello rileva il segnale di leptina nel sangue e questo favorisce l’ovulazione quando il livello è sufficiente.

5. Alcuni acidi grassi sono essenziali

Abbiamo bisogno di alcuni acidi grassi polinsaturi, chiamati acidi grassi essenziali (linoleico e linolenico) nella nostra dieta per avere la pelle sana. Questi contribuiscono a mantenere la salute cardiovascolare nonché il buon funzionamento del cervello e una corretta visione.

Siamo in grado di ottenere questi acidi grassi soprattutto da oli vegetali, noci e pesce azzurro.

 

4. Abbiamo bisogno di grassi per assorbire alcune vitamine

Circa 30 g di grasso è necessario ogni giorno per favorire l’assorbimento delle vitamine liposolubili (A, D, E e K), dobbiamo anche ottenere  questo grasso da cibi grassi. Gli oli vegetali sono una fonte importante di vitamina E e olio di pesce è la migliore fonte di vitamina D.

Suggerimento: aggiungere un po ‘di olio in verdure verdi e carote migliora notevolmente l’assorbimento di carotene (vitamina A).

 

3. Grassi influenzano il livello di colesterolo su larga scala nel sangue

Il livello di colesterolo nel sangue è un fattore determinante del rischio di malattia coronarica.

La ricerca ha dimostrato che la sostituzione di acidi grassi saturi con acidi grassi polinsaturi riduce il livello di colesterolo nel sangue e riduce anche l’incidenza della malattia, ma non la mortalità. Al giorno d’oggi, questi alti livelli di colesterolo sono più efficacemente trattati con statine, un gruppo di sostanze lipoproteine. Tuttavia, l’obiettivo della sanità pubblica è quello di ridurre i livelli di colesterolo medi.

 

2. Grassi saturi non tutti fanno  male

Non tutti i grassi saturi aumentano il colesterolo nel sangue.

Gli effetti del colesterolo sono legati alla laurico, miristico e palmitico (quest’ultimo si trova in olio di palma). In generale, ciò che è più efficace per ridurre il colesterolo e acidi grassi saturi, sostituendo oli ricchi di grassi monoinsaturi (come l’olio di oliva e olio di canola) o di acidi grassi polinsaturi (di soia e olio di girasole), piuttosto che ridurre l’assunzione di carboidrati.

Ad esempio, la sostituzione di burro o strutto per l’olio di oliva come principale fonte di grassi può abbassare il colesterolo LDL di circa il 10%.

 

1. assunzione di grassi saturi nel mondo è stabile

Politiche alimentari e nutrizionali hanno cambiato l’approvvigionamento di cibo.

Nel Regno Unito, per esempio, l’apporto energetico mediante grassi e acidi grassi saturi è scesa dal 42% al 20% in primi anni 1970 al 35% entro il 2000 e del 12% rispettivamente. Rimanere a quel livello da allora. Tra il 1987 e il 2000, i livelli medi di colesterolo nel sangue sono diminuiti di 5,7 mmol / L per 5,2 mmol / L.

Nonostante il continuo aumento di obesità e diabete, la morte per malattie cardiovascolari è scesa, principalmente a causa dei trattamenti più efficaci e per migliorare il controllo dei fattori di rischio come la pressione sanguigna, il fumo e il colesterolo. [livescience]

Gabriela Mateos

Fonte:http://hypescience.com/10-coisas-que-voce-nao-sabia-sobre-gordura/

 

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianeta blu e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter. Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,

aspetta due secondi si aprirà un finestrella.
Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente
.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog https://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca