10 erbe e spezie amiche della salute

L’uso di erbe e spezie è stato incredibilmente importante nel corso della storia e, molto prima dell’uso culinario, la scienza moderna ha dimostrato che molte di loro portano grandi benefici per la salute.

Di seguito una lista delle dieci erbe più sane al mondo:

Cannella

La cannella è una spezia molto utile per abbassare i livelli di zucchero nel sangue e ha un potente effetto anti-diabetico; è una spezia popolare, che si trova in molte ricette e prodotti da forno.

La cannella contiene un composto chiamato cinnamaldeide, che è responsabile delle proprietà medicinali della cannella, ha una potente attività antiossidante, aiuta a combattere l’infiammazione e studi hanno dimostrato che ha il potere di abbassare il colesterolo e i trigliceridi nel sangue.

Ma il vero aiuto della cannella al nostro corpo è nei suoi effetti sui livelli di zucchero nel sangue: infatti  può abbassare lo zucchero nel sangue con diversi meccanismi, tra cui rallentando la rottura dei carboidrati nel tratto digestivo e migliorando la sensibilità all’insulina.

Gli studi hanno dimostrato che la cannella può abbassare il digiuno di zuccheri nel sangue del 10-29% nei pazienti diabetici, che è una quantità significativa.

La dose efficace è in genere è dal mezzo ai 2 cucchiaini di cannella al giorno o 1-6 grammi.

Salvia

Questa erba prende il nome dalla parola latina Salvere, che significa “salvare” e può migliorare la funzione e la memoria del cervello.

L’uomo ha iniziato ad utilizzare la salvia per le sue proprietà curative durante il Medioevo, ed era anche usato per aiutare a prevenire la peste.

La ricerca attuale indica che la salvia potrebbe essere in grado di migliorare la funzione e la memoria del cervello, specialmente nelle persone con Alzheimer.

La malattia di Alzheimer è accompagnata da una diminuzione del livello di acetilcolina, un messaggero chimico nel cervello. La salvia inibisce la degradazione dell’acetilcolina.

In uno studio di 4 mesi condotto su 42 individui con malattia di Alzheimer da lieve a moderata, è stato dimostrato che l’estratto di salvia produce miglioramenti significativi nella funzionalità cerebrale.

Altri studi hanno anche dimostrato che la salvia può migliorare la funzione di memoria nelle persone sane, sia giovani che meno giovani.

Menta piperita

La menta piperita ha una lunga storia di utilizzo nella medicina popolare e nell’aromaterapia.

Come nel caso di molte erbe, è il componente oleoso che contiene gli agenti responsabili degli effetti sulla salute.

Molti studi hanno dimostrato che l’olio di menta piperita può migliorare la gestione del dolore nella sindrome dell’intestino irritabile o IBS.

Sembra funzionare rilassando i muscoli lisci del colon, che allevia il dolore sperimentato durante i movimenti intestinali. Aiuta anche a ridurre il gonfiore addominale, che è un sintomo digestivo comune.

Ci sono anche alcuni studi che dimostrano che la menta piperita in aromaterapia può aiutare a combattere la nausea.

In uno studio su oltre 1.100 donne in travaglio, l’aromaterapia alla menta piperita ha causato una significativa riduzione della nausea. È stato inoltre dimostrato che riduce la nausea dopo l’intervento chirurgico e le nascite in cesareo.

Curcuma

La curcuma è la spezia che dà al curry il suo colore giallo e contiene diversi composti con proprietà medicinali, la più importante delle quali è la curcumina, una sostanza con potenti effetti anti-infiammatori.

La curcumina è un antiossidante straordinariamente potente, che aiuta a combattere il danno ossidativo e potenzia gli enzimi antiossidanti del corpo.

Questo è importante perché si ritiene che il danno ossidativo sia uno dei meccanismi chiave dell’invecchiamento e di molte malattie.

Dato che l’infiammazione a lungo termine e di basso livello svolge un ruolo importante in quasi tutte le malattie croniche occidentali, non è sorprendente vedere che la curcumina è legata a una varietà di benefici per la salute.

Gli studi suggeriscono che può migliorare la funzione cerebrale, combattere l’Alzheimer, ridurre il rischio di malattie cardiache e cancro e alleviare l’artrite.

Basilico santo

Da non confondere con il basilico normale, il basilico santo o tulsi è considerato un’erba sacra in India.

Gli studi dimostrano che il basilico santo può inibire la crescita di una serie di batteri, lieviti e muffe.

Un piccolo studio ha anche scoperto che può potenziare la funzione del sistema immunitario aumentando determinate cellule immunitarie nel sangue.

Il basilico santo è anche legato alla riduzione dei livelli di zucchero nel sangue prima e dopo i pasti, nonché al trattamento dell’ansia e della depressione correlata all’ansia.

Pepe di Cayenna

Il pepe di cayenna è un tipo di peperoncino usato per preparare piatti piccanti, il principio attivo in esso è chiamato capsaicina, molti studi hanno dimostrato la capacità di ridurre l’appetito e aumentare la combustione dei grassi di questa spezia.

Uno studio ha rilevato che l’aggiunta di 1 grammo di questa spezia ai pasti riduce l’appetito e aumenta il consumo di grassi nelle persone che non mangiano regolarmente peperoni.

Tuttavia, non c’era alcun effetto nelle persone che erano abituate a mangiare cibi piccanti, indicando che una tolleranza agli effetti può accumularsi.

Alcuni studi sugli animali hanno anche trovato la capsaicina per combattere alcune forme di cancro, tra cui il cancro del polmone, del fegato e della prostata.

Naturalmente, questi effetti anti-cancro osservati sono lontani dall’essere provati negli esseri umani ed al momento vi segnaliamo tali studi solo a scopo informativo.

Zenzero

Lo zenzero è una spezia popolare usata in varie forme di medicina alternativa ed è molto utile contro la nausea e ha proprietà anti-infiammatorie.

Gli studi hanno costantemente dimostrato che 1 grammo o più di zenzero può trattare con successo la  nausea mattutina, la nausa da chemioterapia e da mal di mare.

Lo zenzero sembra inoltre avere forti proprietà antinfiammatorie e può aiutare nella gestione del dolore.

Uno studio su soggetti a rischio di cancro del colon ha rilevato che 2 grammi di estratto di zenzero al giorno hanno diminuito i marcatori per l’infiammazione del colon allo stesso modo dell’aspirina.

Altre ricerche hanno scoperto che una miscela di zenzero, cannella, mastice e olio di sesamo diminuiva il dolore e la rigidità sperimentati da quelli con osteoartrite. Aveva un’efficacia simile al trattamento con aspirina o ibuprofene.

Fieno greco

Il fieno greco era comunemente usato nella medicina indiana per migliorare la libido e la mascolinità.

Mentre i suoi effetti sui livelli di testosterone sono inconcludenti, il fieno greco sembra avere effetti benefici sullo zucchero nel sangue.

Contiene la proteina vegetale 4-idrossiisoleucina, che può migliorare la funzione dell’insulina ormonale.

Molti studi sull’uomo hanno dimostrato che almeno 1 grammo di estratto di fieno greco al giorno può abbassare i livelli di zucchero nel sangue, in particolare nei diabetici.

Rosmarino

Il principio attivo del rosmarino è chiamato acido rosmarinico e può aiutare a prevenire le allergie e la congestione nasale.

Il rosmarino ha dimostrato di sopprimere le reazioni allergiche e la congestione nasale.

In uno studio condotto su 29 individui, è stato dimostrato che entrambe le dosi da 50 e 200 mg di acido rosmarinico sopprimono i sintomi allergici.

Anche il numero di cellule immunitarie nel muco nasale è diminuito, con una riduzione della congestione.

Aglio

Nel corso della storia antica, l’uso principale dell’aglio era per le sue proprietà medicinali .

Ora sappiamo che la maggior parte di questi effetti sulla salute sono dovuti a un composto chiamato allicina, che è anche responsabile dell’odore distinto dell’aglio.

Se siete spesso vittima di raffreddori vi basta aggiungere l’aglio alla vostra dieta potrebbe essere incredibilmente utile.

Ci sono anche prove convincenti di effetti benefici sulla salute del cuore.

Per quelli con colesterolo alto, l’integrazione di aglio sembra ridurre il colesterolo totale e / o LDL di circa il 10-15%.

Studi hanno dimostrato che l’integrazione dell’aglio nella dieta causa significative riduzioni della pressione arteriosa nelle persone con ipertensione, inoltre è stato dimostrato che è altrettanto efficace di un farmaco che riduce la pressione del sangue.