Salute

Alleviare il dolore con i cerotti

I principi attivi di origine naturale attenuano i sintomi a livello locale e danno il sollievo necessario in molti casi

Piccoli fastidi, dolori e stiramenti possono far sentire il loro effetto a volte per mesi e richiedono un trattamento estensivo, soprattutto per la parte alta del tronco, del collo o delle scapole. Una seduta di massaggio aiuta, ma non è sempre possibile.

In molti casi si preferisce utilizzare i cerotti per automedicazione, con principi attivi di origine naturale che passano nei tessuti, aggiungendo un effetto massaggiante legato all’adesivo. Altri tipi di cerotti invece sono riscaldanti e non vanno attaccati a diretto contatto con la pelle. Si usano per i piccoli dolori legati a problemi articolari.

Di seguito sono spiegate alcune caratteristiche di questi dispositivi, ma per maggiori informazioni sui cerotti medicati, clicca qui

Perchè si usano i cerotti per automedicazione

In molti casi i dolori sono cronici e si manifestano in forma acuta quando le condizioni del tempo, come freddo e umidità li attivano. Altre volte compaiono di colpo dopo aver fatto attività fisica anche non molto intensa. Questi dolori sono quasi impossibili da eliminare completamente, ma per la gran parte del tempo non provocano fastidi.

Nel momento in cui uno sforzo o l’irritazione li rimettono in attività, è importante agire subito per ridurre i picchi di fastidio utilizzando, cerotti adesivi. Grazie ai loro principi attivi e alla funzione massaggiante e di protezione attenuano i sintomi a livello locale e danno il sollievo necessario per riprendere le attività quotidiane.

I cerotti per automedicazione si possono incollare direttamente tramite la superficie adesiva alla pelle perché non causano irritazioni, anche se conviene leggere le istruzioni e non prolungare l’uso oltre quello consigliato. Il sollievo compare già dopo pochi minuti e dura per molto tempo, anche dopo che il cerotto è stato tolto.

Che differenza c’è tra i cerotti massaggianti e quelli per automedicazione

I cerotti massaggianti hanno una superficie molto elastica che aderisce alla pelle rendendola più rigida, in modo tale che con i movimenti normali l’effetto sia più o meno quello di un massaggio, ma si tratta di dispositivi senza principi attivi, come ad esempio le strips.

I cerotti per automedicazione al loro interno contengono estratti vegetali e principi attivi mirati. La loro funzione è di alleviare localmente la fonte del dolore con sostanze decongestionanti, antidolorifici a lento rilascio e vitamine che aiutano la zona a ripristinare le sue condizioni ottimali riducendo l’infiammazione.

L’effetto dei cerotti per automedicazione non è immediato, ma già dai primi minuti si comincia a sentire una sensazione piacevole di rilassamento locale, segno che il principio attivo sta penetrando. Si possono tenere per parecchie ore in modo tale che l’infiammazione si attenui e il dolore se ne vada via.

Chi può usare i cerotti per automedicazione

Si tratta di dispositivi pensati per la pelle sana e non fragile, quindi poco adatti per bambini, ma bisogna sempre guardare sopra la confezione o nelle istruzioni, dove viene in ogni caso riportata l’età minima consigliata per questo tipo di cerotti.

L’impiego sulla pelle degli anziani, molto fragile, cambia da una tipologia all’altra, perché ci sono linee progettate per avere adesivi che non irritano la cute sottile e non incollano troppo, pensati per chi fa poco movimento.

Nel caso di soggetti avanti con l’età, però, conviene consultarsi con il farmacista o il medico prima di scegliere l’uso di cerotti auto medicanti, perché potrebbero causare irritazioni e in alcuni casi la formazione di lividi e piccole lesioni.

Show More

Related Articles

Back to top button