Rimedi naturali

Cos’è il CBD: proprietà, benefici e controindicazioni

Il CBD, composto presente nella canapa e legale nella maggior parte dei paesi del mondo, è una sostanza che offre numerosi benefici per la salute

Negli ultimi anni se ne sente spesso parlare ma non tutti conoscono cos’è il CBD e quali sono i benefici del suo utilizzo. In questo articolo tratteremo tutto ciò che c’è da sapere sul cannabidiolo, comprese le sue proprietà, i benefici, i rischi e le controindicazioni.

Indice dell'articolo

Che cos’è il CBD?

Il cannabidiolo (noto anche come CBD) è uno dei principali composti chimici presenti nella canapa e nei prodotti della canapa industriale. Il cannabidiolo agisce come agente ansiolitico e ha dimostrato di avere una serie di benefici per gli esseri umani che vanno dalla riduzione dell’ansia, alla depressione, alla stimolazione dell’appetito e alla salute delle ossa.

È ampiamente riconosciuto che ha proprietà anti-dipendenza se assunto a basse dosi e non contiene tetraidrocannabinolo (THC), la sostanza psicoattiva responsabile degli effetti “stoner” o “high”.

Differenza tra THC e CBD

La cannabis, o canapa, è una pianta appartenente alla famiglia delle Cannabaceae ed è composta da vari elementi, i più importanti dei quali sono le cosiddette sostanze cannabinoidi, ovvero THC (tetraidrocannabinolo) e CBD (cannabidiolo).

Il THC è un elemento psicoattivo che induce euforia, rilassamento, percezione spazio-temporale nei consumatori e si lega ai recettori CB1 nell’organismo, la sua stimolazione tiene conto degli effetti euforici dei cannabinoidi, nonché delle loro proprietà antiemetiche, antiossidanti, ipotensive, immunosoppressive, anti- effetti infiammatori, analgesici, antispasmodici e stimolanti l’appetito.

Il CBD, invece, è un cannabinoide non psicoattivo che funziona in modo opposto: si lega ai recettori CB2 presenti a livello dei linfociti T del sistema immunitario e del sistema nervoso centrale. La stimolazione dei recettori CB2 sembra essere la principale responsabile degli effetti antinfiammatori e immunomodulatori dei cannabinoidi.

In altre parole, il THC può cambiare la mente e il CBD può favorire il recupero, permettendoti di curare ansia, psicosi, perdita di memoria e condizioni come l’epilessia e la schizofrenia. Poiché non produce effetti psicoattivi, il CBD è legale nella maggior parte dei paesi del mondo.

Proprietà del CBD

Per capire cos’è il CBD basta conoscere le sue proprietà: negli ultimi anni molti studi hanno confermato l’efficacia del CBD nel trattamento di un’ampia gamma di problemi di salute e ha dimostrato di essere un’opzione di trattamento per contrastare varie condizioni e disturbi che includono dolore, infiammazione, insonnia, nausea, ansia, convulsioni e altro ancora.

Le principali proprietà del CBD sono:

  • Non è psicoattivo: analogamente al THC che si trova nella cannabis, non provoca allucinazioni o intossicazioni. Invece, è riconosciuto come uno dei componenti principali della cannabis terapeutica. Una grande quantità di ricerca scientifica supporta l’uso del CBD come agente terapeutico. Di conseguenza, non crea dipendenza o sballato.
  • Proprietà ansiolitiche: è un’ottimo rimedio per l’ansia ed è stato dimostrato che riduce i sintomi associati al disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e al disturbo ossessivo-compulsivo (DOC).
  • Proprietà calmanti: aiuta le persone con insonnia nel curare i loro sintomi con un effetto calmante.
  • Proprietà analgesiche e antinfiammatorie: riduce il senso di nausea e viene utilizzato come coadiuvante nelle terapie antitumorali per la sua proprietà nel ridurre la percezione del dolore grazie alla sua azione sul sistema endocannabinoide presente nel corpo umano.
  • Proprietà anticonvulsivanti: il CBD è molto efficace nel trattamento di alcune forme di epilessia infantile, inclusa la sindrome di Dravet.
  • Proprietà vitali e antiossidanti: noto per le sue proprietà sedative, il CBD fornisce anche proprietà energizzanti grazie alla sua disintossicazione e capacità di rafforzare le cellule del corpo, contribuendo alla loro normale rigenerazione. Secondo uno studio del 2008, le sue proprietà antiossidanti sono superiori alle vitamine C ed E.
  • Proprietà antiemetiche: Facile da digerire e privo di sostanze chimiche, l’olio di CBD può alleviare facilmente questa condizione e trattare efficacemente i sintomi di rigetto. Privo del sapore sgradevole dei comuni antiemetici, è ricco di antiacidi e bismuto.
  • Proprietà neuroprotettive: Il CBD ha dimostrato il potenziale per ridurre lo stress ossidativo che può colpire le cellule cerebrali, anche grazie alle sue proprietà antinfiammatorie.
  • Proprietà antipsicotiche: alcune prove scientifiche suggeriscono che può trattare la schizofrenia e altri problemi di salute mentale, come il disturbo bipolare.

Controindicazioni ed effetti collaterali del CBD

Il CBD può interagire con alcuni farmaci, come gli antidepressivi e i farmaci per la pressione sanguigna. Questo significa che se si stanno assumendo questi farmaci, è importante parlarne con il proprio medico prima di iniziare a prendere il CBD.

Inoltre, il CBD può causare sonnolenza e alterazioni della coscienza, quindi non dovrebbe essere assunto prima di guidare o operare macchinari pesanti.

Infine, il CBD può avere effetti negativi sulla gravidanza e sul feto in via di sviluppo, quindi è importante consultare un medico se si stanno cercando di concepire o se si è incinte.

Effetti collaterali all’uso del CBD

Gli effetti collaterali più comuni dell’uso del CBD sono nausea, diarrea e aumento della fame: questi effetti collaterali sono generalmente lievi e scompaiono rapidamente. In rari casi, l’uso del CBD può anche causare vertigini o sonnolenza.

Se si verificano questi effetti collaterali, si consiglia di ridurre la dose o di interrompere l’uso del CBD.

Cosa succede se si assume troppo CBD?

In generale, gli studi riportano che il dosaggio utilizzato nell’uomo è di 1500 mg CBD/ giorno, con tolleranza e assenza di particolari effetti avversi.

Ad oggi non sono presenti in letteratura dati che studino i rischi di sovradosaggio legati anche ad altri fattori, in particolare la presenza di patologie specifiche e la contemporanea assunzione di alcuni farmaci.
In generale, gli studi riportano che il CBD, che sia sotto forma di olio o cristallo, ha una bassa tossicitá e non è pertanto nocivo .

Conclusioni

In conclusione, il CBD è una sostanza che offre numerosi benefici per la salute, ma che può anche causare alcuni effetti collaterali. Se si decide di usarlo, è importante fare attenzione alle dosi e agli eventuali effetti collaterali.

Tuttavia, il CBD non dovrebbe essere considerato un medicinale tradizionale e si dovrebbe consultare sempre un medico prima di utilizzarlo come integratore.

Fonti:

Hampson AJ, Grimaldi M, Axelrod J, Wink D. Cannabidiol and (-)Delta9-tetrahydrocannabinol are neuroprotective antioxidants. Proc Natl Acad Sci U S A. 1998 Jul 7;95(14):8268-73.

Vickery AW, Finch PM. Cannabis: are there any benefits? Intern Med J. 2020 Nov;50(11):1326-1332. doi: 10.1111/imj.15052. PMID: 33215831

Bergamaschi MM, Queiroz RH, Zuardi AW, Crippa JA. Safety and side effects of cannabidiol, a Cannabis sativa constituent. Curr Drug Saf. 2011 Sep 1;6(4):237-49. doi: 10.2174/157488611798280924. PMID: 22129319.

Back to top button